Il fenomeno del bullismo

Redazione Pedagogika.it

Da quando nel 1995 Ada Fonzi, in un articolo, denunciò la forte presenza in Italia del fenomeno del bullismo (chiamato nella letteratura internazionale "bulling"), la tematica ha avuto grande risonanza suscitando vivo interesse. In pochi anni è stata condotta una ricerca estesa a ben otto regioni che ha permesso di conoscere l'entità del fenomeno in modo più accurato oltre che progettare e perfezionare interventi a scopo preventivo o diretti ai soggetti implicati.

D.P.R. 448/88: il decreto dei garantiti?

Redazione Pedagogika.it

Il D.P.R. 448/88 e il successivo decreto legislativo 272/89 sono gli strumenti del codice di procedura penale per i minori: ci può spiegare qual è, o quale dovrebbe essere, lo spirito della normativa che si rivolge ad una fascia della popolazione così particolare?

I Centri di Aggregazione Giovanile

Redazione Pedagogika.it

Una risposta ad un bisogno fondamentale dei giovani e dei ragazzi, un ambito privilegiato dove sperimentare il gioco della vita.

Gli adolescenti e le comunicazioni nei gruppi di pari

Redazione Pedagogika.it

L'esperienza delle comunicazioni che un giovane sviluppa nei gruppi di persone di pari età rappresenta la palestra di rapporti privilegiata della crescita, lo spazio ottimale per provarsi, per verificare gli apprendimenti acquisiti nelle agenzie di socializzazione, famiglia e scuola, precedentemente frequentate.  

Sport e adolescenza

Redazione Pedagogika.it

Volendo analizzare il potenziale educativo che l'attività sportiva è in grado di offrire, è necessario focalizzare l'attenzione in particolare sul rapporto che viene ad instaurarsi tra atleta ed allenatore, chiarendo in quale misura quest'ultimo interviene, attraverso lo strumento sport, nelle dinamiche di crescita e di maturazione del soggetto.

Un nuovo padre. La relazione padre-figlio

Redazione Pedagogika.it

Questa volta gli adolescenti, a convegno, c'erano davvero! Nel senso che, insieme ai molti addetti ai lavori, nelle sale del castello Visconteo di Pavia c'erano qualche centinaio di studenti della locale scuola per Geometri e del Liceo pedagogico: hanno partecipato all'organizzazione dell'iniziativa, sono intervenuti, hanno fatto domande.

La mediazione penale

Redazione Pedagogika.it

Da circa sei mesi è funzionante presso i locali del Sead ( il servizio del Comune di Milano che si occupa di adolescenti in difficoltà) l 'Ufficio per la Mediazione Penale per Minori. I dodici mediatori che costituiscono il personale dell' ufficio sono operatori di vari servizi minorili o esperti che a vario titolo da anni si occupano di una nuova modalità di gestione dei conflitti. Il responsabile è Adolfo Ceretti, docente di criminologia noto per la modernità e la tensione del suo impegno sia teorico che operativo come giudice onorario presso il Tribunale Minorile di Milano.

La relazione terapeutica in un contesto difficile

Redazione Pedagogika.it

Adolescenza, dal latino "adolescere": crescere. E' una fase di passaggio, un momento particolarmente delicato nel processo di sviluppo: è una tappa cruciale, posta a metà tra l'infanzia e l'età adulta, in cui il nostro adolescente non è più un bambino ma non è ancora neanche un adulto. Comprendere, quindi, questo periodo di transizione, mettere ordine in quello sconvolgimento psicofisico che solo gradualmente troverà (e non sempre!) soluzione, costituisce per lo psicologo clinico e per tutti coloro che lavorano con i ragazzi un'impresa non semplice.

Interventi educativi con figli di famiglie maltrattanti

Redazione Pedagogika.it

Sempre più spesso gli operatori della rete psicosocioeducativa sono chiamati a costruire dei progetti multiprofessionali che concernono minori maltrattati, abusati sessualmente, gravemente trascurati. Tali progetti, che vedono come soggetto protagonista il minore, ma non possono - nel suo interesse - trascurarne i genitori (spesso portatori di patologie psichiatriche e/o di dipendenza da alcol e droga, inseriti di regola in famiglie problematiche da più generazioni), sono per loro natura estremamente complessi. In tale complessità rischia di smarrirsi il ruolo di ciascuno e l'interconnessione di ciascun ruolo con quello degli altri membri della rete. Vorremmo qui riportare una semplice griglia che favorisca la chiarezza dell'intervento dell'educatore di fronte a questi tipi di minori e di famiglie, in modo da permettere una collaborazione efficace con assistenti sociali e psicologi che si occupano del medesimo caso.

Allenarsi alla vita

Redazione Pedagogika.it

La psicologia dello sport è un concetto che trova una sua reale connessione con la psicologia dell'età evolutiva solo quando assume una valenza culturale che vede una dimensione di psicologia della prestazione e una dimensione di psicologia dell'evoluzione personale strettamente orientate alla salvaguardia della personalità. Ambedue queste dimensioni sono raggiungibili con regole non generalizzabili, e quindi valide per tutte le persone, ma con percorsi formativi psicologici individualizzati in relazione ai processi evolutivi e alla gerarchia di valori personali.  

Ti racconto una storia che viene da lontano

Redazione Pedagogika.it

"Ti racconto una storia e viene da lontano" è il titolo di una raccolta di autobiografie di preadolescenti e adolescenti migranti arrivati nel nostro paese negli ultimi tre anni, che frequentano varie classi della nostra scuola: la scuola media statale di via Scialoia a Milano. La proposta della stesura delle autobiografie ai ragazzi stranieri - di cui qui presentiamo alcuni frammenti - segue l'esperienza positiva del Il "parlar di sé" realizzata nell'anno precedente, sia nelle classi multietniche come strumento di conoscenza reciproca e di relazione e scambio interculturale, sia nei piccoli gruppi di alfabetizzazione di alunni stranieri come strumento, più coinvolgente affettivamente, di esercizio linguistico e arricchimento semantico.

Una sconfitta annunciata

Redazione Pedagogika.it

"Tu dei sapere che io fino nella prima gioventù, a poche esperienze, fui persuaso e chiaro della vanità della vita, e della stoltezza degli uomini (...) i quali tanto più si allontanano dalla felicità, quanto più la cercano (...) e disperato dei piaceri, come di cosa negata alla nostra specie, non mi proposi altra cura che di tenermi lontano dai patimenti (...)."   G. Leopardi "Dialogo della natura e di un islandese" La condotta mentalizzata dell"islandese non si contrappone, bensì può aiutare a capire gli agiti degli adolescenti come espressione privilegiata dei conflitti e delle angosce dell"individuo.

Cittadini dalla nascita

Redazione Pedagogika.it

Secondo il Ministro della Solidarietà Sociale, Turco, la nostra è una delle legislazioni fra le più avanzate. E' d'accordo Livia Pomodoro, Presidente del Tribunale per minorenni, di Milano. "Una legislazione - sostiene - si può verificare se è in linea con la realtà per la quale è stata messa in campo attraverso la coerenza e l'adeguamento della stessa alle convenzioni pattizie internazionali, come la Convenzione dei Diritti del Minore che è dell'89, ratificata in Italia nel '91, ispirata ad una serie di principi rispetto ai quali non si può certo dire che la nostra legislazione sia indietro. Questa si è strutturata nel tempo ed ha messo in campo una cultura specifica in relazione agli interessi ed ai diritti dei minori, intesi come soggetti di diritto; principio che risale per la verità alla prima legge sulle adozioni che fu introdotta in Italia nel 1967.

Sul maltrattamento e altre storie

Redazione Pedagogika.it

Non sempre risulta chiaro come, in determinati momenti e contingenze storiche, taluni fenomeni di malessere sociale compaiano improvvisamente al centro dell'attenzione pubblica, relegandone altri sullo sfondo. E' avvenuto così, per restare agli ultimi decenni, con la tossicomania, poi con l'aids, poi ancora con la depressione e successivamente con l'anoressia. Prima della tossicomania, era andato allo stesso modo con la follia e con le battaglia sull'handicap. Tocca oggi alla problematica del maltrattamento dei minori occupare quel posto, come sempre a discapito di altre, cui, in verità, è inevitabilmente legata. Il maltrattamento è eterno come la storia dell'uomo, nei paesi occidentali non meno che negli altri.

Il buio, i mostri e altri timori

Redazione Pedagogika.it

Il presente contributo deriva da esperienze di laboratori condotti da Hamelin Associazione Culturale in varie città d'Italia nel corso del 1999 e di questo inizio 2000. Tali laboratori, indirizzati ai bambini delle scuole elementari, sono l'espressione operativa della guida bibliografica "La prima volta che" "Buffe, strane, imprevedibili emozioni nei libri per bambini". Tra le varie "emozioni" in cui è suddiviso quello strumento, in questa occasione verrà analizzata la paura attraverso la descrizione fattane dai bambini.

Il cyber-amico di vostro figlio

Redazione Pedagogika.it

Siamo entrati come Paese a pieno titolo nella Società dell'Informazione, cioè nel mondo di applicazioni e servizi di rete che l'esplosione di Internet sta mettendo a disposizione di cittadini e imprese. Si tratta di una società nuova, virtuale, che ha paradigmi (economici innanzitutto, ma anche sociali ed etici, nuovi o declinati in modo originale). I giovani sono gli utenti naturali della Rete e delle sue risorse, non solo perché il loro approccio è più immediato e diretto rispetto a quello degli adulti,

Un teatro fantasma

Redazione Pedagogika.it

C'è differenza tra il ricevere un riconoscimento e l'essere riconoscibili. Ho conosciuto molte persone che fanno teatro per i bambini e che soffrono del fatto che difficilmente il loro talento verrà mai riconosciuto dalla critica e dal teatro ufficiale. E' la sindrome del fantasma. Il fantasma sa di esserci, ma fa fatica a farsi vedere. In un mondo che pone al centro della vita quotidiana un valore adulto come la competitività, i bambini non possono essere che fantasmi.

Adolescenza oggi: la ricerca del rito

Redazione Pedagogika.it

I "riti di passaggio" segnavano la fine dell'età infantile e l'entrata nel mondo degli adulti. Tra i riti di passaggio, quelli di iniziazione sessuale hanno avuto particolare importanza al fine del raggiungimento e consolidamento dell'identità e del ruolo sessuale. Oggi, questi riti, soprattutto quelli maschili, sembrano scomparsi. Tuttavia, come vedremo, da una osservazione attenta del nostro tempo, appare invece che almeno in parte siano stati "sostituiti".  

Abstract - Adolescenti oggi: supereroi fragili?

Abstract dell'articolo di Michele Facci apparso su ADOLESCENTI - Pedagogika.it anno 2013 n. 1. Per acquistare il numero in versione cartacea o Pdf vai alla pagina Catalogo libri e riviste

Pedagogika.it - XVIII - 2

EDUCAZIONE E VALORI: Siamo in un'epoca di grandi e repentini cambiamenti, il mutare delle condizioni complessive del nostro Paese, come di buona parte...

PEDAGOGIKA.IT - XVIII - 1

DOVE CRESCONO  BAMBINE E BAMBINI: Retoriche dell'infanzia e buoni sentimenti relegano i discorsi sull'educazionea stanchi riti appassiti sul...

PEDAGOGIKA.IT - XVII - 4

AMBIENTE E CAMBIA...MENTI:  Sono passati 50 anni da quando il libro della biologa Rachel Carson Primavera Silenziosa destò per la prima...

PEDAGOGIKA.IT - XVII - 3

LA FORMAZIONE ENTRA IN CAMPO: Ogni 4 anni il fenomeno delle Olimpiadi (e in parte delle Paralimpiadi) riporta alla luce e all'attenzione di miliardi di...

Stripes Cooperativa Sociale Onlus - Via Domenico Savio 6 - Rho (Mi) - T. +39 02 9316667 - F. +39 02 93507057 - stripes@pedagogia.it

Pedagogika.it: Registrazione al Tribunale: n. 187 del 29 marzo 1997 | ISSN: 1593-2259