Editoriale

La nostra periodicità bimestrale non ci permette di essere tempestivi sui fatti di cronaca più recenti e ci limitiamo a segnalare il nostro cordoglio per le vittime innocenti degli attentati terroristici. Ma forse, indirettamente, parlare di solidarietà e di volontariato, può diventare un’opportunità di crescita delle consapevolezze sociali e del formarsi di una nuova coscienza della globalità.

Numerose riflessioni sono pervenute in redazione sul tema del “Volontariato” , affrontato su Pedagogika  n.17,  Ottobre 2OOO.  Ritorniamo, in questo 2001, dedicato dall’Assemblea delle Nazioni Unite  al Volontariato, a cercare di indagare un fenomeno solo presuntivamente noto. Il tema centrale rimane quello del “dono” come gesto,  come esperienza che coinvolge tutta la nostra sfera emotiva, affettiva, intellettuale..Ringraziamo di cuore  per i prestigiosi  contributi, tutti, anche quelli che, pur non essendo “visibili” per ragioni di spazio, sono stati oggetto della meritata attenzione da parte degli autori del dossier. Il numero prosegue con contributi legati all’esperienza di operatori psico-sociali, pedagogisti ed educatori che, nella scuola  e nelle strutture extrascolastiche, hanno investito nell’ascolto e nella  comunicazione  con gli adolescenti. Un’altra esperienza particolarmente interessante, ancora poco conosciuta, riguarda l’arte e l’autoterapia in soggetti colpiti da “ictus” che possono utilizzare il loro limite come potenziale  espressivo . Una iniziativa, infine, promossa dalla Libera Università di Anghiari, ci porta per mano in un bosco, divenuto, per piccoli e grandi; un suggestivo teatro “en plein air “.

Igor Guida