Lettura senza barriere

 

 

Finalmente iniziamo a vedere con sempre più frequenza anche i libri di testo accompagnati da prodotti multimediali, a riprova dell’importanza che ormai questi ultimi ricoprono nel processo dell’apprendimento.

La nostra attenzione viene rivolta in questo numero ad un’opera filosofica, in primo luogo per gli strumenti adottati e non tanto per il tema trattato, in secondo luogo perché è rivolta anche ai non vedenti. Questo ci dimostra che finalmente ci si sta accorgendo del valore che possono avere gli strumenti informatici nell’aiutare certi tipi di handicap.

Una cosa degna di nota è senz’altro la scelta effettuata dalla casa editrice D’Anna che ha mostrato di saper pensare in maniera diversa rispetto ad altre case editrici che raramente si preoccupano di rendere i loro libri di testo fruibili anche ai portatori di handicap.

Sono riusciti a intraprendere un percorso differente e non alternativo, che li ha portati ad equiparare lo sforzo fatto nella produzione della versione per non vedenti a quella per i normodotati, tanto da riuscire ad ottenere un prodotto omogeneo anche nel prezzo, cosa senz’altro non comune in questo tipo di opere.

 

 

Per la prima volta in Italia una casa editrice distribuisce direttamente un proprio testo scolastico anche in versione elettronica utilizzabile dai non vedenti mediante sintetizzazione vocale o display braille. Da quest’anno i non vedenti italiani potranno acquistare, allo stesso prezzo dell’edizione per i normovedenti, il primo volume del manuale di Filosofia di Luciano Ardiccioni (Filosofia-1 dalle origini alla riforma protestante, della collana “Didascalia”) con annessa l’antologia a cura di Gilberto Zappitello e, non appena in possesso, iniziarne pressoché immediatamente, e senza intermediari, la lettura. Basterà disporre di un calcolatore (anche poco potente), di una sintesi vocale o di un display braille e di qualche minuto per effettuare l’installazione dei files di testo e di programma contenuti
nei floppy disk che accompagneranno il libro. La novità non consiste soltanto nel fatto che è la prima volta che in Italia un editore distribuisce una propria opera in una versione studiata appositamente per essere utilizzata in modo immediato e autonomo da un non vedente, ma anche nelle nuove possibilità di “gestione del testo” che il programma che lo organizza mette a disposizione dei lettori ciechi. Infatti “Miki”, questo è il nome del software in oggetto, è stato concepito con il preciso intento di permettere anche ai non vedenti che debbano o vogliano leggere e studiare, le operazioni che chiunque ha per le mani un libro normalmente compie: sfogliare, consultare o meno una nota, tornare indietro per un rapido controllo e riprendere l’argomento dal punto in cui ci si trovava in precedenza, consultare rapidamente un paragrafo, una pagina o una voce specifica, appuntarsi un passo….

Esso è costruito in modo che l’indice di ciascun libro (poiché “Miki” può gestire più libri di uno stesso “scaffale”) risulti strutturato, a seconda del tipo, in più livelli, parti, sezioni, capitoli, paragrafi, sottoparagrafi… e sia percorribile velocemente con estrema semplicità in lungo e in largo.

Filosofia-1, organizzata e funzionante sotto “Miki”, inoltre dispone di uno spazio apposito in cui è possibile registrare brani dell’opera in lettura, e all’interno del quale si può anche intervenire operando cancellazioni, scrivendo annotazioni, commenti e quant’altro, in modo da costruire un proprio percorso fatto di appunti e citazioni testuali.

“Miki” è il frutto della collaborazione di due insegnanti di scuola media superiore di Pinerolo (Torino), che lo hanno ideato e realizzato mettendo insieme l’esperienza diretta dei problemi dei non vedenti e la competenza informatica. Gli autori, infatti, il professor Francesco Fratta e la professoressa Ausilia Possetto, sono rispettivamente insegnate non vedente di storia e filosofia e docente di informatica.

La loro collaborazione è nata nell’ambito di un’associazione locale e riveste un significato che va al di là di un semplice traguardo “tecnico”. “Miki” mette forse per la prima volta i lettori non vedenti in una condizione di sosanziale parità con i lettori normodotati, poiché anche essi potranno acquistare Filosofia-1 e leggerlo, se lo vorranno, immediatamente e autonomamente, come chiunque altro senza necessità di aggiungere tempo e lavoro preventivo per renderselo accessibile. Anche nella spesa per l’acquisto saranno pari agli altri, il volume cartaceo, infatti, munito dei due dischetti contenenti la versione adattata non avrà alcun costo aggiuntivo rispetto al prezzo di copertina per l’edizione destinata ai normovedenti.

Tutto questo è motivo di grande soddisfazione e anche di orgoglio di quanti hanno concorso alla realizzazione del lavoro; autori del testo, del software e l’editore ritengono infatti di aver contribuito ad abbattere un’altra barriera sulla via dell’emancipazione culturale dei non vedenti.

 

G.D’Anna Casa Editrice S.p.A.

via dei Della Robbia, 26

50132 Firenze

tel. 055/242800

fax. 055/2480781

E-mail gdanna@tin.it

internet: http://www.danna.it