L’esperienza detentiva: (dis)orientamenti inaspettati

Per chi si trova in carcere, la consapevolezza di sè è molto condizionata dalle aspettative ricevute. Riuscire a liberarsi da un destino segnato è un imprevisto possibile. Se c’è una relazione educativa e se si coltivano le opportunità, tutto può succedere.


Questo contenuto è riservato ai soli membri di Abbonamento al sito pedagogia.it
Accedi Registrati.