Anime antiche

Stefania Convalle

Anime antiche

Edizioni Convalle Monza 2019

pp. 212, € 13

Nicoletta Mandaradoni

 

 

 

 

Leggere “Anime antiche”, l’ultimo romanzo di Stefania Convalle, è un’esperienza metafisica, perché il lettore si trova subito catapultato in un’atmosfera che lo attanaglia e lo disorienta.

La vicenda ruota attorno a due personaggi principali, Greg e Muriel, coadiuvati da altri che svolgono un ruolo secondario.

L’incontro di Greg, che appare subito surreale, è in grado di sconvolgere immediatamente la vita di Muriel, che decide di lasciare il lavoro e seguire l’amico in un viaggio che le permetterà di scavare entro se stessa alla ricerca di quelle risposte che solo la vita vissuta può dare.

E il lettore resta coinvolto in una vicenda che appare paradossale, ma si appassiona ai personaggi e li segue, desideroso di comprenderli a fondo.

Risulta subito evidente che tutti i personaggi, Greg, Muriel, Lorenzo, Pierre, sono legati da un legame profondo che va oltre il tempo e lo spazio. Sono anime antiche, anche se solo Greg ne è con- sapevole, perché l’unico in grado di ricordare le esperienze vissute nelle varie vite, che racconta nel vecchio libro che porta sempre con sé e che consegnerà a Muriel perché scriva l’ultimo capitolo. Il libro ha un valore testimoniale di quanto Greg afferma, così come altri oggetti, che assumono quasi un significato magico, come il braccialetto ,che Greg regala a Muriel, e l’anello d’argento con una pietra nera di onice ,che ritroviamo in tutte le vite vissute dai personaggi.

Lo ritroveremo al dito di Mark, l’amico di Luna, la narratrice di primo grado, che dopo aver creato i suoi personaggi, si trova coinvolta, in qualche modo, nella vicenda, che le ha permesso di fare chiarezza e comprendere che in fondo ciò che cercava era una vita semplice, lontana dal mondo frenetico delle città, illuminata dall’amore.

“L’amore può tutto”, dice Luna nelle pagine finali.

È vero, e il romanzo ce ne dà la conferma. L’amore è sicuramente la tematica principale perché anima, anche se in modo diverso, tutti i personaggi, ma sono presenti molti altri spunti di riflessione, quali il senso e la finalità della vita, la morte, la rinascita, che costituiscono le domande esistenziali dell’uomo.

Nel romanzo ciascun personaggio, che di volta in volta diventa il narratore di secondo grado, esprime il suo punto di vista, raccontando i momenti più significativi delle vite vissute da Greg, finché il mosaico si completerà, anche se la conclusione spingerà il lettore a porsi altre domande destinate a rimanere senza risposta.

I personaggi, sommariamente tratteggiati nell’aspetto fisico, sono approfonditi dal punto di vista psicologico e rive- lano personalità complesse che via via si precisano e chiariscono le loro scelte di vita.

È un romanzo sicuramente interessante in cui l’Autrice, alternando il piano del presente al piano del passato, con un linguaggio semplice, fluido ed elegante, perfettamente in linea con i personaggi che lo utilizzano, tiene vivo l’interesse del lettore che si trova continuamente di fronte a sviluppi inaspettati.

 

Author