Multimedialità e percorsi educativi

Per anni il computer è stato considerato qualcosa di molto distante dalla nostra realtà quotidiana, una sorta di oscuro strumento, appannaggio di pochi eletti che parevano essere i soli in grado di sfruttarne le decantate potenzialità.

D.P.R. 448/88: il decreto dei garantiti?

Redazione Pedagogika.it

Il D.P.R. 448/88 e il successivo decreto legislativo 272/89 sono gli strumenti del codice di procedura penale per i minori: ci può spiegare qual è, o quale dovrebbe essere, lo spirito della normativa che si rivolge ad una fascia della popolazione così particolare?

Alcuni problemi preliminari ad un possibile discorso

Redazione Pedagogika.it

Cercare una definizione di handicap è un compito arduo se non vano. Gli ambiti di riferimento sono troppo vasti ed elastici, quasi si volessero mettere in primo piano con questo termine gli aspetti psicologici e sociali che accomunano queste persone.

I significati sociali ed educativi del cibo

Redazione Pedagogika.it

Uno studio psicoanalitico e antropologico di Erik Erikson sui Sioux e gli Yurok. L'oralità nelle tribù indiane dei sioux e degli yurok: il confronto tra due modelli educativi.

Educare alla genitorialità

Parlare di genitorialità, di paternità, in una rivista che si occupa di educazione? Un "fuori tema", a prima vista. In realtà, un modo diverso di affrontare lo stesso argomento: la crescita personale, l'evoluzione psicologica e cognitiva che ogni individuo vive, nel corso dell'esistenza.

I Centri di Aggregazione Giovanile

Redazione Pedagogika.it

Una risposta ad un bisogno fondamentale dei giovani e dei ragazzi, un ambito privilegiato dove sperimentare il gioco della vita.

"Lo ha detto la televisione"

Redazione Pedagogika.it

Quali sono gli effetti della tv sui bambini? Il risultato di un'indagine in una Scuola Elementare della provincia di Milano. Il medium "televisione" più autorevole della parola scritta. La fiducia nel messaggio filmato e l'emulazione.

Se la scuola si fa in palcoscenico...

Redazione Pedagogika.it

Cosa succede se per qualche settimana una classe di seconda elementare abbandona l'aula, si trasferisce in teatro e prova l'ebbrezza del palcoscenico?

Promuovere la creatività infantile

E' vero che ogni domanda esige una sola risposta quale unica e giusta soluzione? Stando al concetto tradizionale di intelligenza sembrerebbe di si.

Teacch: un programma contro l'autismo

Redazione Pedagogika.it

l Prof. Eric Schopler, ospite dell'istituto Sacra Famiglia di Cesano Boscone vi ha tenuto una lezione, aperta anche agli esterni, riguardante il trattamento su soggetti autistici. Eric Schopler è il fondatore del programma psico-educativo TEACCH (Treatment and Education of Autistic and Comunication for Children Handicapped).

Scuola...e bottega

Redazione Pedagogika.it

Artigianato e volontariato uniti per un progetto di educazione professionale

Precari con la valigia

Redazione Pedagogika.it

Sono gli insegnanti italiani inseriti nelle scuole croate e slovene. Privilegiati agli occhi dei colleghi stranieri, di fatto degli esclusi dal sistema scolastico italiano

Nido e riforme possibili

Redazione Pedagogika.it

Negli ultimi tempi la promozione di una comunicazione efficace e qualitativa all'interno dei contesti educativi per la prima infanzia ha caratterizzato la gran parte degli interventi formativi. In particolar modo il rapporto con le famiglie nel nido è oggi un vero e proprio tema di discussione all'interno dei collettivi di lavoro.  

"Coccole e giochi" per crescere insieme

Redazione Pedagogika.it

L'Azienda Ussl 41 di Milano, dopo aver individuato e analizzato i bisogni espressi dalle famiglie del territorio, ha attuato alcune iniziative di prevenzione rivolte alla fascia di età 0-3 anni: "Coccole e giochi per crescere insieme" e "Sportello mamma - papà 0-3 anni".  

Nuovo padre e nuovissima madre

Chi sono i genitori del bambino supernovo? Vivono nella mente dei bambini supernovi; a volte assomigliano un po' ai genitori reali, a volte sono immagini che derivano dalle figure reali ed esprimono invece i desideri e le paure che il bambino ha sperimentato nei confronti e a causa degli stessi genitori.  

La musicoterapia

La musica come elemento di carattere terapeutico ha avuto svariate forme di utilizzo a partire da epoche antiche. E' sicuramente indiscusso che le onde sonore prodotte dai rumori e dai vari stumenti musicali, arrivano a colpire tutto il nostro corpo e non solo l'apparato uditivo.

La relazione tra bambino e animale e l'apprendimento dei codici

Redazione Pedagogika.it

Per scrivere dell'importanza formativa che ha per un bambino il rapporto col mondo degli animali non basterebbe un trattato. Il fascino, pieno di mistero, che essi suscitano nei piccoli e anche negli adulti è confermato dall'interesse che riscuotono le trasmissioni e i documentari televisivi su questo tema e le pubblicazioni di vario genere (enciclopedie, libri, inserti di quotidiani) sugli animali.  

La "Città dei bambini" a Pontedera

Il Progetto nasce dall'esigenza dell'Amministrazione Comunale di dover intervenire per la trasformazione dell'ambiente urbano, attraverso l'applicazione di una nuova filosofia della politica del governo della città, in quanto il rapporto problematico uomo - territorio e cittadino - città è nodo centrale con il quale il prossimo millennio dovrà confrontarsi. Riconoscendo come fondamentali, nell'ambito degli interessi della comunità locale, la promozione e tutela dei diritti dei minori, la loro qualità della vita, nonché la realizzazione individuale e la socializzazione dell'infanzia e dell'adolescenza, l'Amministrazione Comunale di Pontedera, con deliberazione consiliare, ha adottato un atto di indirizzo: Progetto "La città dei bambini".

L'irresistibile necessità di scrivere di sè

Neo romanticismo giovanile? Il genere letterario che va sotto il nome di "romanzo di formazione", come è noto, ha anticipato e poi contrassegnato gran parte della cultura romantica e post romantica. Nato già prima del '700 - in forme biografiche ed autobiografiche - ha rappresentato, e continua a rappresentare in quanto, ormai, stile di pensiero, una delle manifestazioni più esemplari della soggettività umana. Scrivere l'altrui o la propria storia di vita (nelle sue vicende apicali, nelle sue transizioni passionali amorose o avventurose, nella constatazione che la memoria salva i ricordi trasfigurandoli in poetiche dell'esistenza interiore) è difatti contributo, o tributo, al riconoscimento di una individualità.

Cominciare dal bambino: il libro in famiglia

Silvia Vegetti Finzi

Il primo libro non si scorda mai Ho chiesto ad alcune persone, accomunate dal fatto che amano leggere, se ricordano il loro primo libro. Tutte hanno risposto affermativamente, abbandonandosi a ricordi deliziosi, che portavano con sé il sapore inconfondibile dell'infanzia. Benché in modi diversi, le loro rievocazioni mi hanno confermato il sospetto che i primi libri costituiscono "un affare di famiglia". Spesso sono stati tramandati di padre in figlio o meglio, di madre in figlio/a, sfuggendo alle devastazioni della guerra, alla dispersione dei traslochi, alla voracità del consumismo. La rarefazione degli oggetti, operata dal tempo, conferisce a ciò che rimane un carattere sacrale, una solennità che trasfigura le povere cose in un "reliquiario del poco".

Allenarsi alla vita

Redazione Pedagogika.it

La psicologia dello sport è un concetto che trova una sua reale connessione con la psicologia dell'età evolutiva solo quando assume una valenza culturale che vede una dimensione di psicologia della prestazione e una dimensione di psicologia dell'evoluzione personale strettamente orientate alla salvaguardia della personalità. Ambedue queste dimensioni sono raggiungibili con regole non generalizzabili, e quindi valide per tutte le persone, ma con percorsi formativi psicologici individualizzati in relazione ai processi evolutivi e alla gerarchia di valori personali.  

Io mi scrivo

Redazione Pedagogika.it

" Quando stanno succedendo troppe cose, più di quante tu ne possa sopportare, puoi scegliere di far finta che non stia accadendo niente di speciale, che la tua vita stia girando come il piatto di un giradischi. Poi un giorno ti rendi conto che quello che credevi un piatto di giradischi lidcio e uniforme, era in realtà un mulinello, un vortice". S. Bellow, L'iniziazione Le pagine che seguono illustrano un percorso di utilizzo del metodo autobiografico, all'interno di un progetto di formazione realizzato in collaborazione con la facoltà di Scienze della Formazione - Cattedra di Educazione degli Adulti della seconda Università degli Studi di Milano - Bicocca, gli artisti del Teatro del Buratto, ed il Settore Cultura della Provincia di Milano'.

L'autoformazione in un carcere minorile

Redazione Pedagogika.it

Da quando G. Kelly (l'inventore della Psicologia dei Costrutti Personali), replicando all'affermazione di un operatore acritico che vantava "trent'anni di esperienza", disse che più probabilmente si trattava di "un anno di esperienza ripetuto per ventinove volte", gli operatori del sociale hanno avuto un imput chiaro su che cosa rende spesso insulso, immutabile, sgradevole e demotivante il proprio lavoro: l'incapacità di leggere (e non di meramente ripetere) le proprie esperienze lavorative, di analizzarle, valutarle, renderle risorsa utile, per la riprogettazione del proprio operato e della propria professionalità.

Cosa sono oggi i bambini? Intervista a Marcello Bernardi

Redazione Pedagogika.it

Siamo andate ad intervistare un grande pediatra, un uomo che ha messo il suo mestiere a disposizione di tutti i genitori, uomo di grande sensibilità capace di entrare in sintonia anche con le persone più semplici, un punto di riferimento per i genitori italiani e per molti operatori che lavorano con i bambini. Entrando nella sua casa, dove ci ha rilasciato l'intervista, si coglie subito un mondo pieno di calore e di saggezza, (sia chiaro non di quella vecchia e stantia della quale nessuno se ne può fare nulla, perché non più in grado di "dare il cattivo esempio" come recita la vecchia canzone di De André Bocca di Rosa) ma un clima particolare capace di porre l'interlocutore in contatto con la sua parte più intima e vera. Un piacevole pomeriggio primaverile per parlare di bambini utilizzando la lente di ingrandimento dell'amore verso gli altri, ma anche dell'imperfetta umanità.

Educare in psichiatria

Redazione Pedagogika.it

Molto spesso in contesti educativi - riabilitativi gli educatori operanti all'interno dei servizi faticano a inserire nel loro "mansionario" anche il termine "terapia". Questo non per chissà quale loro difficoltà intrinseca, quanto per come il linguaggio si è venuto a delineare e a costruire sul terreno dell'educazione, della riabilitazione, della terapia. Non si vuole fare assolutamente un excursus etimologico dei tre termini; mi vorrei invece concentrare sulla "prassi" di questi termini. Utilizzo "prassi di termini" perché vorrei sottolineare quanto nell'agire quotidiano gesti utilizzati nella riabilitazione portino con sé atti educativi, rieducativi e terapeutici.

Multimedialità e processi cognitivi

Questo mio intervento è dedicato all'esame del fenomeno della multimedialità e delle sue attuali ripercussioni nella formazione dei linguaggi e delle dinamiche cognitive dei bambini. Va dunque inteso come preliminare ad un ragionamento pedagogico-didattico sull'utilizzazione scolastica di questa risorsa, semiotica prima che tecnologica: un ragionamento che è ancora in buona parte da costruire, in quanto ha bisogno del conforto non solo di idee ma anche e soprattutto di pratiche.

Qui si parla di me...

Redazione Pedagogika.it

Come ogni insegnante, all'inizio di un nuovo anno scolastico mi piace proporre alcune attività ai miei nuovi giovani studenti - ragazzini della prima media - per cominciare a conoscerli e a conoscersi. Fra queste, quella che io chiamo dei "perché"consiste nel semplice invito a elencare per iscritto, senza troppo indugiare nel pensiero, 10-20 domande "a tutto campo"alle quali vorrebbero trovare una risposta. La lettura condivisa che ne segue si rivela sempre occasione per riflessioni intriganti e divertenti.

Donne e cambiamenti

Redazione Pedagogika.it

Le tematiche relative alle differenze sessuali e di genere e al loro sviluppo in ambito educativo hanno avuto nel tempo alterne vicende e conosciuto diverse elaborazioni e pratiche. Credo utile delinearne una brevissima storia per arrivare a identificare i temi più significativi all'interno della prospettiva più generale e collocarvi quindi anche il senso di questa nostra raccolta di contributi. Procederò per brevi accenni, che possono illuminare taluni passaggi in un tempo che copre alcuni decenni. Il femminismo degli anni Settanta non ha avuto la scuola o l'educazione tra i temi di interesse prevalente: altre sembravano le urgenze, le aree di riflessione, di sviluppo di esperienza per le donne che iniziavano un lavoro su di sé, per mutare innanzitutto le loro vite e le loro presenze nel mondo. ....

Il Linguaggio nella matematica

Redazione Pedagogika.it

Chiunque si avvicini alla matematica, presto o tardi, nota l'uso particolare che questa fa del linguaggio, con il ricorso a termini definiti in modo rigoroso e utilizzati con univocità, assumendo che abbiano un unico significato possibile - beninteso all'interno dello specifico contesto matematico: il linguaggio è uno strumento della matematica che diventa efficace in quanto ciascun termine specialistico viene esplicitamente definito. In misura maggiore di altre discipline scientifiche, la matematica limita al massimo il ricorso a parole che non siano definite nel contesto d'uso.

Dalla parte dei bambini: un nido per crescere insieme

Silvia Vegetti Finzi

( Testo dell'intervento tenuto al Convegno "Asili nido in azienda: come si cresce insieme", Como, 9 ottobre 2004, organizzato da Soroptimist International d'Italia Club di Como )

Adolescenza oggi: la ricerca del rito

Redazione Pedagogika.it

I "riti di passaggio" segnavano la fine dell'età infantile e l'entrata nel mondo degli adulti. Tra i riti di passaggio, quelli di iniziazione sessuale hanno avuto particolare importanza al fine del raggiungimento e consolidamento dell'identità e del ruolo sessuale. Oggi, questi riti, soprattutto quelli maschili, sembrano scomparsi. Tuttavia, come vedremo, da una osservazione attenta del nostro tempo, appare invece che almeno in parte siano stati "sostituiti".  

Danzare le parole

Redazione Pedagogika.it

Poesia: celebre sconosciuta Ossimori a parte, questo è stato il punto di partenza. Quando, ad inizio d’anno, chiesi ai diciannove visetti di seconda elementare che mi guardavano solari, di parlarmi di ciò che loro conoscevano come poesia , le risposte mi stupirono:

Educare al pensiero scientifico

Redazione Pedagogika.it

Intervista ad Antonio Erbetta*

Genitori e figli. Istruzioni per la crescita

CICLO D’INCONTRI GENITORI E FIGLI: ISTRUZIONI PER LA CRESCITA     Il Ciclo di incontri è il risultato di una collaborazione tra il Posto delle Parole (servizio di consulenza e aiuto psicopedagogico rivolto alle famiglie di Rescaldina) e tutti gli interlocutori più significativi della realtà cittadina: la Comunità Pastorale, gli Oratori, gli Istituti Scolastici Comprensivi, le Associazioni Culturali, Sportive e del Tempo Libero. L’iniziativa si inserisce nel contesto del più vasto e articolato percorso in preparazione all’incontro Mondiale delle Famiglie, che si terrà a Milano dal 29 Maggio al 3 giugno 2012 alla presenza di Papa Benedetto XVI ed andrà a raccordarsi con la Festa della Famiglia a Rescaldina prevista per domenica 15 Aprile.       Giovedì 26 Gennaio Auditorium Comunale in Via Matteotti - Rescaldina...

Quanto devono sapere gli studenti sui media che usano quando studiano?

Redazione Pedagogika.it

Poche ore dopo aver ricevuto l'invito via e-mail a contribuire al numero della rivista sul tema dell'uso dei media nell'educazione, nella casella di posta elettronica di Landow, come di consueto,  arrivava anche la versione elettronica del quotidiano New York Times, con l'articolo di Laura M. Holson “La generazione che dice tutto impara a tenere le cose Offline”.

Educare alla creatività

L’apprendimento è per definizione un atto creativo. La persona che apprende destruttura, mastica la materia trasmessa dal professore, dall’esperto o dal software , la digerisce, l’assimila e la ricostruisce secondo le proprie strutture mentali. Dunque un modello didattico per essere efficace dovrebbe ricalcare questo processo di metabolizzazione e le tecniche creative sono particolarmente utili per sviluppare le abilità di imparare ad apprendere.

Ridere! Imperativo categorico della nostra epoca?

Redazione Pedagogika.it

Mai come in questi ultimi decenni si è scatenata una pletora di spettacoli, libri, eventi, personaggi impegnati a farci ridere o a insegnarcene l’arte. Insomma, diciamocelo, siamo tutti un po’ sedotti dall’incanto del riso…

Pedagogia e formazione professionale un dialogo possibile

Mario Tonini

La Federazione Nazionale CNOS-FAP – Centro Nazionale Opere Salesiane-Formazione e Aggiornamento Professionale, che coordina i Salesiani d'Italia impegnati nel campo dell'orientamento, della formazione e dell'aggiornamento professionale, ha organizzato il 14 novembre 2012 una giornata di studio dal titolo “L'intelligenza nelle mani” per riflettere sull'importanza della formazione professionale per i giovani in vista del loro inserimento nel mondo del lavoro.

Wittgenstein e gli insegnanti

Wittgenstein sostiene che il modo in cui l’essere umano apprende una lingua, che sia quella materna o una straniera, si avvale inevitabilmente del contesto.

Abstract - Educare al desiderio in tempo di crisi

Abstract dell'articolo di Jole Orsenigo "Educare al desiderio in tempo di crisi" apparso su EDUCARE AL TEMPO DELLA CRISI Pedagogika.it anno 2012 n. 4. Per acquistare il numero in versione cartacea o Pdf vai alla pagina Catalogo libri e riviste

Abstract - New families or new sights?

Abstract dell'articolo di Laura Formenti "Nuove famiglie e nuovi sguardi?" apparso su LEGAMI IN CAMBIAMENTO E NUOVE FAMIGLIE - Pedagogika.it anno 2013 n. 1. Per acquistare il numero in versione cartacea o Pdf vai alla pagina Catalogo libri e riviste

Violenza maschile e produzione del genere

Abstract dell'articolo di Cristina Papa "Violenza maschile e produzione del genere" apparso su RELAZIONI TRA I GENERI E VIOLENZA - Pedagogika.it anno 2013 n. 2. Per acquistare il numero in versione cartacea o Pdf vai alla pagina Catalogo libri e riviste

ABSTRACT - Feminice

Abstract dell'articolo di Nicole Janigro "Femminicidio" apparso su RELAZIONI TRA I GENERI E VIOLENZA - Pedagogika.it anno 2013 n. 2. Per acquistare il numero in versione cartacea o Pdf vai alla pagina Catalogo libri e riviste

Abstract - Sport, educazione e valori

Abstract dell'articolo di Emanuele Isidori "Sport, educazione e valori" apparso su LA FORMAZIONE ENTRA IN CAMPO - Pedagogika.it anno 2013 n. 3. Per acquistare il numero in versione cartacea o Pdf vai alla pagina Catalogo libri e riviste

Abstract - Adolescenti oggi: supereroi fragili?

Abstract dell'articolo di Michele Facci apparso su ADOLESCENTI - Pedagogika.it anno 2013 n. 1. Per acquistare il numero in versione cartacea o Pdf vai alla pagina Catalogo libri e riviste

Sillabario Pedagogiko - Eredità

E redità, per S. G., con gratitudine    

Pedagogika.it - XVIII - 2

EDUCAZIONE E VALORI: Siamo in un'epoca di grandi e repentini cambiamenti, il mutare delle condizioni complessive del nostro Paese, come di buona parte...

PEDAGOGIKA.IT - XVIII - 1

DOVE CRESCONO  BAMBINE E BAMBINI: Retoriche dell'infanzia e buoni sentimenti relegano i discorsi sull'educazionea stanchi riti appassiti sul...

PEDAGOGIKA.IT - XVII - 4

AMBIENTE E CAMBIA...MENTI:  Sono passati 50 anni da quando il libro della biologa Rachel Carson Primavera Silenziosa destò per la prima...

PEDAGOGIKA.IT - XVII - 3

LA FORMAZIONE ENTRA IN CAMPO: Ogni 4 anni il fenomeno delle Olimpiadi (e in parte delle Paralimpiadi) riporta alla luce e all'attenzione di miliardi di...

Stripes Cooperativa Sociale Onlus - Via Domenico Savio 6 - Rho (Mi) - T. +39 02 9316667 - F. +39 02 93507057 - stripes@pedagogia.it

Pedagogika.it: Registrazione al Tribunale: n. 187 del 29 marzo 1997 | ISSN: 1593-2259